spoonfultravels blog


Temazcal . Rito Maya

Karen P.

Che cos'è il Temazcal? Dove si può fare questa esperienza fantastica? Perchè si fa?

A tutte queste domande voglio rispondervi insieme a Marlon di Mercanti Viaggi, un esperto in materia, che ha saputo rendere, questa esperienza meravigliosa, fatta per ben due volte in tre mesi, nel fantastico scenario colorato e sereno di un paese che mi ha completamente catturato il cuore... il Messico !!


Cos'è il Temazcal?

Il Temazcal è una cerimonia antichissima, proveniente dalle civiltà indigene mesoamericane, pensate, questa cerimonia Maya si pratica da più di 3000 anni, riesce ad emozionarti e purificarti allo stesso tempo, ora vi spieghiamo meglio!

Il Temazcal è uno "strumento" di cura, possiamo interpretarlo come una pausa dalla vita frenetica... E' l'emblema della purificazione per eccellenza!! Entrando nel Temazcal, la temperatura del corpo e dell'ambiente aumenta rito dopo rito, ed il sudore che rilascia il nostro corpo è in sintesi, lo spurgo della negatività che abbiamo accumulato durante la nostra vita fin'ora... alla fine della cerimonia, ci si sente leggeri, rilassati e completamente purificati!!


Dove si svolge e perché

A celebrare la cerimonia è il fantastico Octavio, che ci ha accolti a braccia aperte nel suo mondo... Octavio abita in un paesino a un ora da Tulum, Tres Reyes!! Entriamo in una proprietà semplice, con una casa tonda e piena di vetrate originali, davanti alla casa il "Temazcal" cioè la casa del sudore, dove avviene il rito. Questa rappresenta l'utero della nostra madre dove si entra per evocare gli attimi prima della nostra nascita, dei nostri antenati e della scienza divina.

L’inizio della cerimonia si svolge all'esterno attorno al fuoco che simboleggia il nostro, “Abuelo" il nonno fuoco, le pietre che si trovano all’interno, sono pietre vulcaniche che provengono dal centro del Messico, queste si pensa posseggano una memoria antichissima, in quanto vengono dal profondo della terra, rappresentando quindi le nostre nonne, le “Abuelitas “ , e quindi il nostro passato più recondito.

Nella prima parte si riceve un incenso nella nostra mano, cioè una resina che si chiama COPAL, questa simboleggia il sangue di una pianta che rappresenta la nostra intenzione, il motivo e la volontà che ti porta a fare il Temazcal, questo viene offerto al fuoco, con le nostre intenzioni. Prima di incominciare Octavio ci legge il nostro Nahual, che sarebbe il nostro spirito guida, che viene estrapolato dalla nostra data di nascita! Il mio è  il gufo!

Quindi si sceglie uno strumento, come la conchiglia , la maracas, il fischietto o il tamburo e ci si posiziona verso le 4 strade cosmiche, cioè  i 4 punti cardinali che sono associati ai 4 elementi: est fuoco, ovest terra, sud acqua, nord vento.Ognuna di queste fasi viene aperta da un canto per dare il benvenuto alle pietre, si bagnano le pietre con dell'acqua con dentro le 4 erbe medicinali, ruda, romero, albahaca e manzanilla!! Infatti potete immaginarvi una sauna, ma più semplice e genuina... La pelle sarà più liscia e il corpo privo di tossine cattive!

Si passa in seguito ai tre livelli: livello Xibalba ( in lingua Quichè ) che rappresenta il profondo della terra, poi c'è il piano terreno, dove viviamo noi, che è rappresentato dalla tartaruga e si chiama Uluum ( in lingua Maya Yucateca ) e il piano sopra di noi che rappresenta il cuore del cielo, nonché il centro della galassia, che si chiama Wakan Chan ( in lingua Quichè ). 

Prima di entrare nel Temazcal, Octavio inizia con la Sahumaciòn, ci si posiziona davanti la porta d'entrata del Temazcal, e bruciando l'incenso si viene completamente purificati dalla testa ai piedi, dopo di che avviene un ulteriore passaggio, prima di entrare si appoggia la fronte sul quarzo che si trova all’entrata del Temazcal, proprio sulla porta e si dice:

POR MI Y POR TODAS MIS RELACIONES “ ( dall'era degli indigeni del nord America ) e vuol dire: tutto ciò che esiste è tutto in relazione, io sono un tutt'uno con ciò che esiste !  

A questo punto inizio davvero ad essere emozionata, agitata, completamente trasportata da quest'aura di mistero e beatitudine, che si inizia a respirare già dall'inizio della cerimonia...

Si entra quindi in questa cupola che simboleggia la nostra madre terra.

Ci si posiziona in cerchio, ci si siede attorno al buco e si ricevono le Abuelitas cioè le pietre. In questo momento si inizia un canto per dare il benvenuto e far crescere l’intenzione per questo percorso.

Ed ora si inizia con le 4 porte, ogni porta riceve 13 pietre, le pietre in totale sono 52 (  simboleggiano il ciclo sacro degli antichi Maya e Aztechi ) ogni porta o sezione della cerimonia è dedicato a uni dei 4 punti cardinali.

La prima parte è dedicata all’acqua con il punto cardinale SUD, in questo momento l'aria è ancora fresca e poco umida, ma il caldo inizia a salire, questa porta è dedicata alle donne che fanno parte della nostra vita e alle relazioni con il mondo femminile!

La seconda porta è dedicata alla terra alla foresta e quindi all'Ovest e ai nostri antenati! La terza parte è dedicata al nord cioè al vento, ogni volta che si condivide un canto, un pensiero o un semplice ma profondo silenzio, Octavio ripete questa parola "Tlazocamati" che significa Parole Fiorite - grazie per condividere...

A questo punto dentro il Temazcal inizia a fare davvero molto caldo, si mette alla prova il proprio corpo, la pressione si abbassa e sdraiandosi per terra, si riesce a trovare un po di fresco, che in certi momenti fa davvero piacere... E' un sfogo alla vita, puoi parlare, aprirti con chi non ti conosce, aprire il tuo cuore e far interagire chi ti circonda... 

Dimenticavo di dirvi, che il Temazcal avviene completamente al buio, non si vede nulla o quasi, per questo le emozioni si moltiplicano e il battito del cuore è percettibile ogni attimo...

La quarta porta è stata chiusa con l’energia del fuoco e del sole che ci da la vita e quest’ultima parte è stata la più corta e la più calda.

Senti il cuore battere forte, il calore salire e l'emozione crescere ad ogni rito... E' un momento di condivisione, in cui tutte le paure vengono messe a nudo, in due modi... in silenzio o parlando... Ho pianto, ho riso ed ho semplicemente ascoltato il mio cuore, si perché per la prima volta sono riuscita a spegnere il mondo intorno a me, lasciando spazio al silenzio della mia mente, lasciandomi trasportare sono riuscita a spegnere ogni pensiero e dando voce solo al battito lento e rilassato dal mio cuore... sono riuscita a rigenerare mente e corpo... è stato bellissimo!

Tra una fase e l'altra viene aperta la porta principale, così da poter accogliere le pietre e far entrare aria !

Finché non viene aperta l'ultima porta, quella più importante, questa porta è un buco rotondo al centro sopra le pietre, appena viene aperta, i raggi del sole entrano ed illuminano il Temazcal, creando il momento della rinascita, del primo spiraglio di luce, d'ora in poi si susseguono momenti di pausa, silenzio e canto... 

Fino al momento in cui, non si esce alla luce e si respira aria nuova, uscendo mi sono abbracciata, ho bevuto dell'acqua e mi sono seduta su sasso, contemplando quel momento di beatitudine e serenità, mi sono sentita libera, felice, appagata e tanto provata!

Scrivere questo articolo non è stato semplice... avrei voluto scrivere di più sulle mie emozioni, ma credo sia giusto lasciarle nel cassetto dei ricordi e condividere  quello che avete letto, cercando di rendervi il più possibile partecipi della mia esperienza, e sperando di avervi incuriosito un pò... chissà come sarà quando un giorno, in un viaggio in Messico, deciderete di provare questa esperienza... 

Ognuno vive a modo suo ogni cosa, è un'esperienza forte, unica e incomprensibile se non vissuta... Quindi fatemi sapere se vi ho convinto a provarci... ogni tanto pulirsi da paure e negatività non fa male... giusto?

Un grazie sentito, al fantastico Octavio e al grande Marlon, che mi hanno permesso di vivere questa esperienza indimenticabile, in un contesto assolutamente genuino, al di fuori del turismo di massa!! 

 

 

Karen P.     20 giugno 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow me on Instagram


Booking.com

Karen Pinna

In ogni articolo, racconterò le nostre avventure e disavventure… Vi parlerò dei luoghi che abbiamo visitato e vi darò dei consigli secondo il mio punto di vista, in quanto credo fermamente, che un viaggio è assolutamente soggettivo, ogni persona può vedere, assaporare e vivere lo stesso luogo in maniera completamente differente dal mio.

Benvenuti sul mio Blog di Viaggi…


Karen Pinna


Potrebbe interessarti anche ... 

www.spoonfultravels.com

CONTENT CREATOR: Karen Pinna | LOGO CREATOR:  Altavilla Veronica | WEB DESIGN: Djk Grafica srl Tutti i diritti riservati
plane linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram